Non farti ingannare dalla falsa interpretazione del colore grigio

Scopriamo insieme il significato di questo colore.

completo grigioL’armocromista di Schlein sentenzia su Open: il grigio che la Ferragni ha utilizzato nel video di scuse simboleggia il dispiacere.

Ritengo che ci voglia maggiore “esperienza” per fare simili affermazioni, quindi sono costretta ad intervenire per puntualizzare alcuni concetti, altrimenti passa un messaggio sbagliato!

Faccio questo lavoro da trentanni, formata ufficialmente 23 anni fa con Alberto Fava, insomma… qualcosina di colore ne so, via.

Colore formale per eccellenza, usato ampiamente nella vita lavorativa per comunicare professionalità, serietà e competenza, il grigio è di fatto il colore simbolo dell’intelletto, della conoscenza e della saggezza.

E’ un colore neutro perfetto per parlare in pubblico, così i presenti si concentreranno sul messaggio e non sull’abito

Questa mi sembra più plausibile come motivazione della scelta.

E’ il colore della nebbia, dell’ombra e del crepuscolo, dell’eleganza e della distinzione. E’ completamente privo di ogni stimolo e di ogni tendenza psicologica.

Né soggetto, né oggetto.
Né introversione né estroversione.
Né tensione, né rilassamento.

Appunto, neutro, quindi, privo di fraintendimenti.

La barriera del grigio: quando il vestito diventa un muro

Quando il vestito diventa un muro, il grigio può trasformarsi in una barriera impenetrabile.

La scelta di indossare abiti grigi può riflettere una volontà di protezione, ma può anche isolare chi li indossa.

Il grigio, con la sua neutralità e mancanza di emozione, può creare una distanza tra l’individuo e gli altri.

È come se il vestito grigio diventasse una corazza, un modo per tenere il mondo a distanza.

Il grigio non è un territorio occupato, ma una frontiera. Una terra di nessuno, una zona smilitarizzata, un muro dì Berlino. Un confine tra zone diverse, l’approccio al quale differisce a seconda della direzione da cui si proviene.

Ma forse, dietro quella barriera grigia, si nasconde una persona che desidera solo essere compresa e accettata

Quindi, prima di giudicare qualcuno per il suo abbigliamento grigio, potremmo cercare di capire cosa si cela dietro quella facciata neutra e scoprire che anche il grigio ha il suo lato dolce della vulnerabilità.

Il grigio rappresenta anche la transizione tra il bianco e il nero, simboleggiando la capacità di trovare un equilibrio tra opposti.

In psicologia, il grigio è associato alla maturità e alla saggezza, poiché rappresenta la capacità di vedere le sfumature della vita.

Quindi, non giudichiamo il grigio solo per il suo aspetto “noioso”, perché potrebbe essere più profondo di quanto pensiamo.

completo grigioChi sceglie il grigio, dicevo, vuole separare tutto con un muro, rifiuta di impegnarsi per proteggersi da ogni stimolo e da qualsiasi influenza esterna.

Non desidera lasciarsi coinvolgere e rinuncia a qualsiasi partecipazione spontanea, facendo ciò che deve in modo meccanico ed artificiale.

Anche quando dà l’impressione di partecipare pienamente, in effetti partecipa solo da lontano: si mette da un lato e si osserva senza lasciarsi coinvolgere da scelte o rifiuti drastici.

Ovviamente, oltre al colore, bisogna considerare anche il materiale o il tessuto con cui è fatto un capo, in questo caso la lana.

Lana grigia: il lato dolce della vulnerabilità

Un cardigan o maglioncino grigio di lana mette in evidenza il lato dolce e vulnerabile rispetto ad una giacca grigia e in questo caso il materiale scelto “avvicina”.

La lana morbida e avvolgente ci fa sentire protetti, come se fossimo in un abbraccio caldo e accogliente.

La lana grigia è un po’ come il cioccolato: ti consola nei momenti difficili e ti fa sentire meglio.

Scelta perfetta per chi vuole apparire elegante senza rinunciare alla comodità. Non solo è facile da abbinare, con altri colori, ma ti fa anche sentire a tuo agio nella tua pelle.

Il grigio e la moda

Il grigio è senza dubbio una tinta classica che non passa mai di moda, ma da lasciare rigorosamente nell’armadio durante il tempo libero o per una cena romantica, dando spazio a colori più emotivamente vibranti.

Fra l’altro non dona a tutte le carnagioni. Una nuance sbagliata, infatti, spegne non solo le bionde dorate o chi ha i capelli grigi, ma anche le castane naturali più vicine al cenere che al cioccolato.

Quante sfumature di grigio ci sono?

Tante. Si va dal grigio perla, luminoso e dolce sulla pelle, all’asprezza del grigio asfalto o antracite, al grigio azzurro perfetto per le bionde cenere dagli occhi azzurri, al grigio tortora.

Se siete delle modaiole sfrenate e non volete sentir ragioni, abbinatelo sempre a una tinta che vi valorizzi.

Via libera a camicette, magliette e accessori in colore rosso, fucsia, rosa, verde menta o il classico bianco, se siete “fredde”. Oppure, cammello, marrone, giallo, arancio e verde prato se siete “calde”.

E voi, che ne pensate di questo colore? Eravate a conoscenza dei suoi molteplici significati?